L'autore fa una breve riflessione sul significato della vita e della poesia: quest'ultima sembra che sia strettamente interconnessa a ciò che noi proviamo.


Considerazioni

 

Facendo appello all'importanza della "lettura", essa è fondamentale per stimolare l'ispirazione. Considerando che l'essere curiosi è una caratteristica delle persone creative, proprio l'attitudine nell'interrogarmi su ogni aspetto dell' esistenza, fa di me un lettore di libri dai generi più disparati. In questo modo si viene a formare un sapere non specifico o settoriale, bensì multidisciplinare, poichè le materie sfumano l'una nell'altra, pur essendo ben distinte nelle denominazioni e nei contenuti. È quella che si può chiamare "navigazione nell'ipertesto": il poeta è un marinaio che trae esperienza dalla sua «navigazione» nel mare del sapere, mettendo poi per iscritto, sul taccuino dei propri viaggi, impressioni, intuizioni e osservazioni, dando vita a svariate opere comprendenti vari ambiti di indagine. Questo tipo di approccio non solo permette di creare una consapevolezza di se stessi e del mondo, elaborando nuove strutture cognitive, ma permette anche di analizzare ogni pensiero o spunto di riflessione allo scopo di creare quelle immagini, nuove e suggestive, che sono proprie dell'arte poetica, così da mostrare al lettore angolazioni diverse della realtà. La lettura, lo studio, la conoscenza, sono la miscela che muove il motore della scrittura dal punto di vista professionale, ma non solo: secondo alcuni studi, tali attività contribuiscono a mantenere in salute il nostro corpo. Il cervello presiede alla maggior parte delle nostre funzioni motorie, se questo viene allenato mediante esercizi intellettuali, anche il corpo ne risulterà rafforzato, avendo più probabilità in futuro, di prevenire quelle malattie che vanno a compromettere l'indipendenza psico-fisica della persona.


La lettura per l'arte dello scrivere, è come l'esperienza per l'arte di vivere nel mondo.

 

(Giacomo Leopardi)